Sorry, your browser doesn't support Java(tm). -

 

 


La splendida cittadina, ricca di tesori dell'arte e dell'architettura, non è solo storia, non è solo porto, non è solo turismo estivo.
Otranto è percezione del passato, è rispetto per la memoria storica, è punto di incontro di culture diverse, è sposalizio di terra e mare.

Posta nella parte più orientale d'Italia, deve alla posizione strategica del porto la sua importanza ma anche i segni di continue lotte di potere:
prima città greca e poi romana, nel medioevo fu uno dei più significativi centri del dominio bizantino.

Fulcro con Bari e Taranto della resistenza greca contro i normanni, capitolò nel 1068. Fedele agli Svevi fino al 1250, si schierò poi con la Chiesa.
Assalita dalla flotta di Maometto II, la città cadde dopo 15 giorni di assedio: massacrati i difensori, ottocento cittadini vennero decapitati.
Liberata un anno dopo da Alfonso da Aragona, fu occupata dai Veneziani e ancora attaccata dai Turchi.

La storia è un elemento presente nell'aria stessa della cittadina.
Pensate: può capitarvi di camminare per le strette stradine del borgo e trovare grosse palle di pietra, strumenti bellici sparati dai Saraceni durante l'assedio.

Assolutamente da visitare: la Cattedrale (in cui si può ammirare il fastoso pavimento a mosaico, unico al mondo, dove è raffigurato "l'albero della vita"), la chiesetta di San Pietro, la Cappella dei Martiri, il Castello, l'abbazia basiliana di san Nicola di Casale, la Torre Pinta.

Otranto è un centro di mare molto bello, ed è circondato da località estremamente preziose ed uniche dal punto di vista naturalistico:
la Specchiulla, gli Alimini, le grotte, Porto Badisco, Sant'Andrea, Mulino d'acqua... vi affascineranno con la loro malìa.

Quando lascerete Otranto avrete l'assoluta certezza di aver vissuto un'esperienza insolitamente diversa.

 

 
Specchiulla
Litorale Otranto - Santa Cesarea


Barche


Litorale Otranto - Santa Cesarea

 

Otranto - Costa Nord



Otranto - Baia dei Turchi